Crea sito

Come prepararsi ad un trasferimento

Partenza.

Una parola che porta con sé una marea di pensieri e sentimenti. Che sia una partenza che avete desiderato e sognato per tanto tempo o sia qualcosa che siete obbligati a fare contro la vostra volontà sicuramente avrete pensieri contraddittori a riguardo. Ci sarà la felicità di scoprire una nuova città, nuovi modi di fare, di cominciare un nuovo capitolo della vostra vita ma dall’altra parte tristezza per tutto quello che vi lascerete alle spalle, i parenti, gli amici o anche le vostre semplici abitudini che vi davano quella sicurezza in più. Ci saranno tante cose che passeranno per la vostra mente i giorni prima della partenza, probabilmente anche l’idea di non partire proprio e piuttosto rimanere a casa nella propria zona di comfort.
Quello che voglio dirvi è che tutti ci passano, tutti sono preoccupati all’idea di abbandonare le cose conosciute e far fronte a cose nuove, soprattutto se si tratta di un cambio abbastanza definitivo come un trasferimento. Io l’ho vissuto sulla mia pelle in questi ultimi mesi. Da fine settembre sto in una nuova città per studi ma non ho sentito il problema fino a poco fa, perché mia madre il primo periodo era venuta con me quindi avevo sentito il distacco molto meno pesante. Ora invece sono qui sola con me stessa ad aspettare di poter prendere definitivamente casa mia e poter dire di essermi realmente trasferita.

Ora passiamo ai consigli. Sicuramente vi starete chiedendo come prepararsi al distacco. Il primo punto che mi viene in mente è di incontrare tutte le persone a cui volete bene e salutarle dicendo loro tutto ciò che reputate importante di modo da non dover avere poi rimpianti una volta nella nuova città. Poi portare con voi uno o due ricordi delle persone proprio più importanti di modo da averle sempre con voi anche fisicamente oltre che nel cuore. Cercare se possibile di stabilire da subito una data in cui tornerete di modo che il distacco sembri meno doloroso in quanto saprete già quando rivedrete tutti. Un’altra cosa importante secondo me è cercare di mantenere il più possibile i contatti tramite chiamate e messaggi perché anche se siete presi da tutte le novità che vi attendono non siete gli unici a soffrire il distacco, anche coloro che vi vedono andare via soffrono. Inoltre organizzatevi cose da fare quando tornerete di modo da non ritrovarvi una volta tornati a perdere tempo nell’indecisione.
E voi avete qualche altro consiglio riguardo il prepararsi a trasferimenti?

Lascia un commento